lunedì 28 aprile 2008

Gatti animali abitudinari, siamo proprio sicuri?


Ho trascorso il week end del 25 Aprile insieme a Chiara, qui a Fiorenzuola: la mia residenza lavorativa. Durante questi giorni ne ho approfittato per allenarmi in collina sia a piedi (grazie Chiara per il supporto logistico) che in bicicletta.

Devo dire però che la vera GUEST STAR del momento è il gatto Gigio, trasportato già dalla scorsa domenica da Ferrara al paese piacentino.
Gigio, Menelao(strarompi), Bombi, QM e Mr. Govani (ultimamente quello che va per la maggiore) sono i nomi ai quali risponde il soggetto in questione. Confesso che sia io che Chiara inizialmente eravamo un po' perplessi sul far viaggiare il gatto e farlo abituare a un nuovo appartamento solo per alcuni giorni (sono animali abitudinari) e invece... mochè, come neanche.

Neanche un paio di ore per capire come fosse girata la casa ed eccolo ambientato alla stra-grande!!!

3 commenti:

KK ha detto...

In effetti il felis silvestris catus è un animale abitudinario e non ama i cambiamenti. E' comunque un animale in grado di potersi adattare anche se l'adattamento può essere lungo e difficile.
Nel tuo caso invece....
Sicuro che non si chiami IronGigio?:-)

Bellabigo ha detto...

Gigio "Mr. Govani" è un mito, come guarda sicuro fuori dalla finestra, che padronanza... è un gatto sicuro di sè, non gli importa dove si trova, gli basta se stesso, a meno che questa sicurezza non derivi dalla vicina presenza di "mamma" Chiara

Anonimo ha detto...

mo caro il mio nipotino...
non poteva che essere sveglio,è comunque un nagliati...ed è il cuginetto della pamy...